Itinerari diVini in Campania

E’ bene dare a Cesare quel che è di Cesare, infatti i nostri progenitori romani ed etruschi, ma anche i cugini Greci, conoscevano e sapevano sfruttare le risorse che la Campania nasconde e ne avevano fatto un vero Paese di Bengodi.

Se Napoli, il Vesuvio, la costiera amalfitana isole comprese, Pompei, Paestum e tutti gli altri siti storici ed archeologici non sono sufficienti per attirarvi in Campania, oppure queste sono tutte cose che avete già apprezzato in precedenza, proveremo a mostrarvi una parte di questa regione poco frequentata dal classico turista, ma protagonista negli ultimi ventanni di un notevole sviluppo vitivinicolo che la rende, oltre che da conoscere e vedere, soprattutto da gustare. E’ bene dare a Cesare quel che è di Cesare, infatti i nostri progenitori romani ed etruschi, ma anche i cugini Greci, conoscevano e sapevano sfruttare le risorse che la Campania nasconde e ne avevano fatto un vero Paese di Bengodi dove non mancava di certo la prelibata bevanda ottenuta dai famosi vigneti sparsi nella campagna.

Vi proponiamo tre itinerari, che possono diventare anche un tour unico partendo dall’alta Campania e percorrendo l’entroterra dei monti irpini fino a giungere ad Avellino. L’intenzione è di unire alla natura ed alla storia un circuito enologico non famoso a tutti, ma che raccoglie grande parte del consenso tributato all’intera regione in fatto di vino.

Nel cuore dell’ager falernus - I grandi vini di Terra di Lavoro

Dal Solopaca all’Aglianico del Taburno

Nella zona più aspra, i vini più “dolci”: Greco, Fiano e Taurasi, le 3 DOCG della Campania

[Hide Window]
This page is an archived page courtesy of the geocities archive project 
Report this page